La dieta dello sportivo

0

In questo articolo vedremo due importanti fattori. Da una parte l’importanza di praticare l’attività sportiva in modo corretto, dall’altraparte, la dieta dello sportivo più idonea.

Praticare sport, fa bene alla salute. Questa è una verità inconfutabile con la quale, anche gli amanti della vita sedentaria, tutti hanno dovuto fare i conti. Lo sport infatti non ci permette solo di bruciare i grassi e buttar fuori i liquidi in eccesso.

La dieta dello sportivo

Con lo sport riusciamo anche a mantenere vigile e attenta la mente, il corpo allenato e scattante per affrontare al meglio ogni situazione. Lo sport aiuta anche a sconfiggere i radicali liberi, migliorando la digestione e il funzionamento di tutti gli organi.

Per fare sport però, non basta praticare senza alcun criterio l’allenamento fisico. È necessario prima di tutto non esercitarsi in maniera intensiva, se non abbiamo una guida.

Gli allenamenti intensivi sono molto spesso fatti solo da coloro che praticano uno sport a livello agonistico. Chi segue delle regole fai-da-te, non deve mai eccedere in quanto potrebbe causare uno stress ossidativo.

L’organismo potrebbe produrre in quantità superiori i radicali liberi, i quali sono nemici dell’invecchiamento e possono favorire la comparsa di malattie.

Anche cadere nell’eccesso opposto, cioè allenarsi qualche giorno con costanza, per poi interrompere bruscamente gli esercizi, non fa bene alla salute.

L’atleta che si allena regolarmente, ha modo di crearsi delle buone difese immunitarie, rafforzare il corpo e proteggerlo da malattie future. Lo stesso non si può dire per chi si allena in maniera superficiale e incostante.

[useful_banner_manager count=1]

Riassumiamo quindi i benefici dello sport:

  • Riduce malattie cardiovascolari
  • Diminuisce la pressione arteriosa
  • Aumenta il colesterolo buono
  • Più ossigenazione ai muscoli
  • Viene rafforzato il tessuto connettivo
  • Promuove il benessere e l’autostima.

Chi pratica sport però non deve trascurare un fattore molto importante. L’alimentazione. Oggi infatti stiamo riscoprendo l’importanza del mangiar bene, per mantenere in salute corpo, mente e spirito.
Chi pratica con regolarità un attività fisica, che sia a livello dilettante che professionista, deve seguire la dieta dello sportivo. Vediamo di cosa si tratta.

  • Lo sportivo dovrà mangiare molti carboidrati complessi. In questa categoria rientrano le patate, il pane, la pasta e il riso. I carboidrati devono occupare circa il 60% dell’alimentazione quotidiana.
  • La dieta dello sportivo deve essere povera di grassi saturi, non devono essere più del 10%. i grassi saturi sono: formaggio, latte e carne.
  • I grassi insaturi invece, devono rappresentare il 15% della dieta giornaliera. Nella categoria rientrano: pesce, frutta secca e olio extra vergine di oliva.
  • Bisogna moderare accuratamente l’assunzione di proteine animali, cioè carne e latte.
  • Le proteine vegetali non devono superare il 15% del nutrimento quotidiani. Si intende generali e legumi.
  • Deve dare all’organismo le vitamine B, il calcio, il magnesio e il ferro.
  • Indispensabili per lo sportivo le sostanze antiossidanti, in quanto durante l’attività sportiva andiamo a consumare una quantità maggiore di ossigeno. Durante questo atto fisiologico, i radicali liberi vengono formati in quantità più elevata e c’è bisogno di una dieta equilibrata per neutralizzarli.
  • La vitamina C la possiamo trovare negli agrumi, nei pomodori, nei broccoli, nei peperoni e nei pomodori.
  • La vitamina E invece, la troviamo nella frutta secca come le mandorle e le noci, nell’olio extravergine di oliva, nel grano e nei legumi.
  • La frutta e la verdura, soprattutto quando di colore giallo, arancio e rosso sono alimenti perfetti per lo sportivo.

In linea generale, possiamo abbinare a questa dieta, le conoscenze che già possediamo sulla nostra equilibrata e sana dieta mediterranea. Ricca già di suo di tutte le sostanze nutritive di cui il corpo ha bisogno.

Prima di iniziare qualsiasi tipo di dieta è necessario consultarsi con il proprio medico.

Share.

Leave A Reply